calendar 21.12. 2015

Al centro dell’innovazione e dell’efficienza energetica

In molti avevano grandi speranze, solo pochi realmente credevano che a metà dicembre 2015, tutti i 195 Stati finalmente avrebbero raggiunto un accordo comune sul clima - senza dubbio un evento storico. Tuttavia ora deve seguire il secondo passo: l’attuazione concreta. In questo contesto, le soluzioni importanti sul taglio delle emissioni di CO2 non possono essere trovate solo nella produzione di energia o nel settore industriale, ma anche in modo molto concreto tra le nostre quattro mura.

Anche questo è stato proposto nella conferenza sul clima COP21 di Parigi: oltre a molte aziende hanno presentato la loro concezione di risparmio energetico, i progetti di ricerca e le soluzioni sostenibili, ista ha proposto il tema della trasparenza dei consumi ai visitatori.

Durante l’evento COP21, la battaglia contro i cambiamenti climatici divenne visibile anche per le strade di Parigi. Numerose campagne a Parigi e nei dintorni, come i lampioni ad energia solare dove la gente poteva anche caricare i propri telefoni cellulari, hanno richiamato l’attenzione di residenti e turisti sul fatto che tutti noi possiamo fare qualcosa contro il cambiamento climatico. E cosa c’è di più: che possiamo farlo solo insieme. Su un ampio fronte, così come nei nostri ambienti quotidiani.

L’evento, che ha accompagnato l’incontro sul clima, ha offerto una varietà di approcci: una mostra di prodotti innovativi e potenziali soluzioni per la protezione del clima, l’ambiente e la sostenibilità.

“Gli argomenti interessano e riguardano tutti noi. Giovani o anziani, alternativi o conservatori: ogni tipo di persona è stato rappresentato con Solutions COP21 e questo è esattamente ciò che ha fornito fascino alla manifestazione nell’imponente palazzo di vetro, il Grand Palais, che era stato costruito per l’Esposizione Universale nel 19° secolo, creando un emozionante contrasto tra vecchio e nuovo “, riferisce Christelle Protat, Manager della Comunicazione in ista Francia che, tra le altre cose, ha curato la stand.

Tutti noi possiamo fare qualcosa contro il cambiamento climatico. E cosa c’è di più: che possiamo farlo solo insieme. Su un ampio fronte, così come nei nostri ambienti quotidiani.

Gli ospiti non sono stati scoraggiati dai recenti eventi di Parigi: gli attacchi terroristici del 13 novembre 2015. Anche se è diventato un po’ preoccupante quando le numerose guardie di sicurezza hanno scortato fuori gli ambientalisti che volevano esprimere chiaramente le loro richieste, nonostante il divieto di manifestare e, per ragioni di sicurezza, hanno poi bloccato l’accesso all’edificio per tre ore.

a04_cop21_bildcollage_web
Il presidente francese in tour della mostra di fronte allo stand ista.

La mostra è stata dominata dall’ innovazione, a partire dalle riparazioni dei vetri delle auto, a impianti fotovoltaici, fino a soluzioni ad alta efficienza energetica per i vari settori industriali.

Le cifre sono chiare: quasi 42.000 i visitatori della mostra, che ha aperto le porte agli ospiti invitati al mattino, ma era accessibile a tutti nel pomeriggio. Le aziende come Coca Cola e L’Oreal hanno esposto i loro prodotti e le loro iniziative sostenibili, organizzazioni come il WWF hanno presentato i loro progetti di ricerca e altre aziende come Tesla hanno fornito informazioni sui loro prodotti più recenti.

La mostra è stata dominata dall’ innovazione, comprendendo dalla riparazione dei vetri delle auto, a impianti fotovoltaici, fino a soluzioni ad alta efficienza energetica per i vari settori industriali. Il fulcro della manifestazione è stato senza dubbio il modello futuristico di una vettura elettrica senza conducente che è stato prodotto da un progetto di cooperazione tra Dassault Systems e un consorzio di ingegneria che ha dimostrato come le nostre auto avranno un aspetto simile in un futuro non troppo lontano. A chiunque si chiedesse quale fosse l’innovazione più memorabile della mostra, la vettura senza conducente è stata sempre menzionata nella risposta.

ista al centro dell’innovazione e dell’efficienza energetica

Anche Dario Cohen, Senior Vice Presidente del dipartimento Corporate Marketing e Business Development di ista e relatore alla COP21 sul tema dell’edificio intelligente è rimasto impressionato. Egli mostra con orgoglio le foto della mostra e del veicolo futuristico, che era in esposizione presso lo stand congiunto di ista, Dassault Systems, Suez e altri. “Ecco, siamo stati in grado di dimostrare alle persone che possono non solo risparmiare energia con le auto elettriche, ma è possibile anche fare qualcosa di buono per l’ambiente”, spiega Dario Cohen. “Con mezzi semplici, come il controllo sul proprio utilizzo casalingo di acqua e di riscaldamento, è possibile tagliare considerevolmente i consumi e contribuire in prima persona ad una maggiore sostenibilità.”

E questo è esattamente ciò che l’amministratore delegato di ista Francia, Laurent Sireix, ha chiarito nella sua web conference durante la quale, insieme a Christian Harquet di Valophis, ha risposto alle domande del pubblico nel corso di una tavola rotonda. Indipendentemente dalla politica, dalla conferenza sul clima e dagli obiettivi climatici globali, ista era uno dei molti espositori a trasmettere quindi un messaggio chiaro: tutti possiamo risparmiare energia e fare qualcosa per l’ambiente, non ci resta che iniziare sistematicamente a farlo.

Picture credits: ista