calendar 06.11. 2015

Attraverso il mondo ideale di Dario Cohen

Dario Cohen è in ista da poco più di un anno. Come Senior Vice President, ha contribuito a creare un recente dipartimento internazionale, che coniuga il marketing, io sviluppo del business, la gestione e la vendita dei prodotti. Ha risposto alle domande di INSIDEista sulla situazione attuale del mercato, sulle ultime tendenze e sugli sviluppi.

Il mondo intero sta parlando di digitalizzazione. In breve: che cosa significa “digitale” per te?
La digitalizzazione ci offre fantastiche possibilità. Grazie alle nuove tecnologie ed alla digitalizzazione dei dati, siamo in grado di comprendere meglio il nostro ambiente, le procedure di lavoro e, in generale, anche la nostra esistenza. La visione che otteniamo come risultato di questi dati porta anche a nuovi modelli commerciali che, a loro volta, possono generare un enorme valore aggiunto per i clienti. L’ “lnternet delle cose” sta già entrando nella nostra vita quotidiana: i dispositivi in rete rappresentano la materializzazione di un ambiente intelligente e rendono tale la nostra vita, le nostre auto e ben presto i nostri appartamenti.

Diventa davvero entusiasmante la possibilità di notare automaticamente che, con uno probabilità del 90% un sistema di riscaldamento si romperà nelle successive due settimane.

Casa intelligente è la parola d’ordine. Ma cosa rende una casa intelligente?
Un edificio si definisce intelligente quando è presente una combinazione tra i diversi dati dall’edificio ed il loro utilizzo che porta a conclusioni intelligenti e a meccanismi di controllo. Si raccolgono informazioni sul fatto che le finestre siano chiuse, che il riscaldamento sia acceso e sul tasso di umidità nella stanza. A seconda che qualcuno sia in casa o meno, l’elaborazione di questi dati, viene utilizzata per attivare automaticamente il riscaldamento, per esempio, o per consigliare al cliente di chiudere la finestra. Diventa davvero entusiasmante la possibilità di notare automaticamente che, con una probabilità del 90%, un sistema di riscaldamento si romperà nelle successive due settimane. Questa informazione è oro per l’amministratore o il proprietario dell’appartamento.

Ciò è valido solo per la Germania? O anche a livello internazionale?
Ciò vale in generale per tutti gli edifici e le case, ma questa tendenza, naturalmente, assume forme diverse nei diversi mercati. Ci sono mercati che sono ancora in fase di preparazione, per esempio, la Germania. Altri mercati stanno facendo progressi leggermente più veloci e più innovativi- per esempio, la Francia. Lì un bel po’ di cose sono già accadute nel settore della “casa intelligente”, altre sono ancora ai primi stadi. I francesi stanno affrontando l’argomento in un modo più informale: essi hanno la cultura del fai-da-te- sperimentano le cose nelle loro case- le case intelligenti quindi tendono ad avere più appassionati che in Germania, dove c’è ancora un’alta percentuale di appartamenti in affitto. Tuttavia, gli studi dimostrano che la casa intelligente sta prendendo piede anche negli appartamenti in affitto. Il focus è comunque differente: mentre nelle case private è per lo più sulla sicurezza e sul comfort, negli appartamenti in affitto l’enfasi è, ad esempio, sull’efficienza energetica. In sostanza, dovremmo chiederci: perché la gente dovrebbe vivere meno bene in un appartamento in affitto piuttosto che in un appartamento privato?

E qual è il contributo di ista? Come ista rende gli edifici intelligenti?
ista si occupa di circa 12 milioni di case in tutto il mondo. E stiamo già offrendo sistemi intelligenti che raccolgono informazioni sull’energia e altri dati degli edifici; in altre parole, acqua, calore, umidità. Abbiamo già installato dispositivi di allarme antincendio, o antincendio, intelligenti che vengono monitorati in remoto. Queste sono già caratteristiche della casa intelligente.

Ora dobbiamo ampliare questo concetto con i nostri partner. Vogliamo combinare i dati nel settore della misurazione e poi, in un secondo momento, collegarli ad altri sistemi che possono interagire con i nostri dati. Come il controllo automatico del riscaldamento, per esempio. Qui, si parla di interoperabilità, in altre parole, la capacità dei diversi sistemi di scambiare i dati senza errori, per capire le informazioni ed i comandi ed interpretare correttamente la loro attuazione. Questo porta all’offerta di pacchetti. Ci sono diversi pacchetti di performance che, combinati tra loro, offrono un valore aggiunto ancora maggiore -in altre parole, uno più uno è più di tre!

In sostanza, dovremmo chiederci: perché la gente dovrebbe vivere meno bene in un appartamento in affitto piuttosto che in un appartamento privato?

L’archiviazione e la presentazione dei dati degli edifici storici giocano un ruolo importante, in particolare nella vendita di immobili. Un’idea innovativa e molto realistica è la carta d’identità che rende professionale il settore immobiliare. Quando un edificio viene venduto, la carta d’identità ha lo scopo di far luce su tutti i dati storici correlati all’edificio. In questo modo si sostiene il processo di vendita e la qualità dell’investimento.

Tutto sta diventando intelligente, tutto in un edificio è collegato in rete. Ma per quanto riguarda la protezione dei dati?
La protezione dei dati è un argomento molto importante; essa deve essere assolutamente garantita. Abbiamo già dato la massima priorità a questo e ciò non cambierà in futuro. Naturalmente, questi sistemi si svilupperanno nel corso del tempo, gli hacker stanno diventando sempre più furbi e il rischio certamente non sarà minore. Tuttavia stiamo anche crescendo. Faremo di tutto per garantire la protezione dei dati. E, in futuro, il cliente deciderà lui stesso e sarà in grado di definire dove inviare i suoi dati e a quale scopo. Quanto più sarà aperto a questo riguardo, tanto maggiore sarà il valore aggiunto del servizio. Questa è la situazione di oggi e tale rimarrà anche in futuro.

Che cosa significano in termini concreti gli sviluppi per il vostro lavoro e il vostro campo?
Per me come direttore Corporate Marketing & Business Development, questo significa esaminare attentamente gli elementi della casa intelligente, la digitalizzazione e la costruzione intelligente. E il nostro campo di lavoro include anche le collaborazioni e le attività di cooperazione per cui siamo riusciti a concludere con successo contratti e accordi, in particolare negli ultimi mesi. Qui vorrei ricordare la nostra cooperazione di lunga data con Aareon per la Francia, la Norvegia e la Svezia o la nostra cooperazione con Riedel. Con il sistema di riscaldamento di Riedel, in prospettiva ci sarà la possibilità di fornire un’offerta aggregata che comprende diverse opzioni di casa intelligente. Utilizzando questo sistema, può essere controllata l’illuminazione, in aggiunta al sistema di riscaldamento, e amministratori e inquilini potranno comunicare direttamente utilizzando un display. Credo che sia una delle prime offerte di questo tipo per il mercato degli affitti, in cui ista è, naturalmente, di casa. Ora il nostro compito principale è quello di creare tali offerte con diverse aziende e partner.

immagini: grasundsterne, thinkstockphotos