calendar 29.02. 2016

Gli alunni possono dare un’occhiata al mondo degli affari

Cosa voglio? Cosa mi piacerebbe raggiungere? Quali sono i miei punti di forza e quali sono le possibilità? I diplomati si trovano di fronte un numero illimitato di possibilità. Allo stesso tempo per loro vi sono molti eventi informativi, fiere e centri di consulenza che possono facilmente far perdere loro di vista il quadro generale. ista cerca di dare ai diplomati una guida e la possibilità di conoscere l'azienda attraverso una serie di misure, ad esempio l’evento "Dialogo con i giovani", a cui ista ha preso parte per la quarta volta quest'anno.

Voci e chiacchiere eccitate a tutto andare in ista quando si tiene l’evento “Dialogo con i giovani”. Quest’anno circa 50 allievi si affollano all’ingresso e aspettano di fare domande al Chief Operations Officer (COO), Jochen Schein.

In questa serie di incontri organizzati da Initiativkreis Ruhr, ogni anno le aziende invitano i giovani provenienti da scuole della regione della Ruhr a conoscere il loro business e offrono loro la possibilità di ottenere una panoramica del lavoro in un colloquio faccia a faccia con il top manager. In questo particolare pomeriggio, gli alunni dell’istituto omnicomprensivo e del college professionale Louis-Baare Vocational sono venuti in ista. Abdul (20), allievo presso la scuola professionale, dice che sono tutti qui di loro spontanea volontà. “E’ molto importante per ottenere informazioni in tempo utile. E in quali altre occasioni si ha la possibilità di vedere da vicino, come fossimo dietro le quinte, una società?” Ha ragione e sa già quello che vuole essere.

c03_dialog_bildcollage_2
Chief Operations Officer (COO), Jochen Schein, risponde alle domande poste dagli alunni dell’istituto omnicomprensivo di Fröndenberg e del college professionale Louis-Baare Vocational.

Gli alunni sono ben preparati: hanno ottenuto insieme le informazioni, raccolto le domande per Jochen Schein, le hanno stampate e distribuite tra loro in modo da non finire in una situazione imbarazzante in cui nessuno fa domande, ammette apertamente una ragazza. E poi si arriva subito al sodo: dopo un’introduzione di ista, del modello di business e della propria carriera, Jochen Schein si trova di fronte alle domande dei partecipanti che, grazie alla buona preparazione, non sono di certo poche. Oltre a cosa Jochen Schein fa nel suo tempo libero e alla sua carriera, gli allievi sono particolarmente interessati ai tirocini in azienda: ista potrebbe essere un buon datore di lavoro? Quali opportunità di formazione offre? Quali qualifiche è necessario avere per essere presi in considerazione?

Maike Böcker è la persona più adatta a rispondere a queste domande. E’ stata tirocinante in ista dal settembre 2014 ed è molto soddisfatta del programma: “Gli studenti imparano tutto e arrivano a conoscere tutti in azienda e nel 5° semestre si può scegliere un reparto su cui focalizzarsi durante il resto degli studi.” L’auto-motivazione è un must assoluto. “Se non sei una persona che trascina e motiva se stessa, è meglio non applicarsi per un posto che preveda studio e tirocinio”, dice la 23enne. “Vado all’università due giorni alla settimana e lavoro a tempo pieno gli altri tre giorni della settimana e oltre a tutto questo, faccio i miei compiti ed esami. Con tutto ciò se non riesci a mantenere altra la motivazione, sei perduto.” Jochen Schein la vede in questo modo e aggiunge che serve anche una buona capacità di analisi e, soprattutto, una buona comprensione delle cose tecniche, se si vuole avere successo in ista. Quando dice che anche i buoni voti sono un must per ottenere un contratto in ista, qualche allievo sembra un po’ a disagio, l’evento prosegue poi rapidamente con il programma della giornata per gli alunni. Dopo il rinfresco, ci si dedica ai laboratori, organizzati da dipendenti ista, che si concentrano sulla comunicazione, la gestione del progetto o il concetto di proprietà commerciale.

Communications & Public Affairs, offre una panoramica sulla Corporate Communications e delinea le prospettive degli alunni in ista.

Alla fine della giornata Abdul e il suo amico Daniel sono soddisfatti: “L’evento si è rivelato all’altezza delle nostre aspettative”, e sono d’accordo, “era molto personale, tutti erano molto cordiali e abbiamo avuto un’ottima visione della società “.

L’impressione positiva dei due conferma ista come top employer, riconoscimento avuto di recente. Questa volta ista è stata incoronata come uno dei migliori datori di lavoro in non meno di cinque Paesi europei ed è quindi anche Top Employer in Europa. I premi conferiti dalla società di ricerca con sede ad Amsterdam, Top Employers Istitute, sono destinati alle società che si distinguono per la massima qualità nella gestione delle risorse umane e sono un indicatore importante e una guida per i diplomati e i potenziali candidati. Piattaforme come blicksta.de possono anche dare ai giovani una guida per trovare la loro strada attraverso la giungla di aziende, di posti di lavoro e di formazione offerti.



 

Credits: ista